studio tarantelli, consulenza informatica, SEO e reti informatiche

Studio Tarantelli > Articoli Informatica > Reti informatiche ed impianti > Collaudo e certificazione di un cablaggio strutturato

Collaudo e certificazione di un cablaggio strutturato

certificazione e collaudo di un cablaggio strutturato

Il cablaggio strutturato come tutti gli impianti richiede un collaudo ed una certificazione per verificare non solo i parametri di trasmissione che devono essere corrispondenti a quanto indicato nelle norme EN 50173 e ISO/IEC 11801, ma anche che l’installazione sia fatta a regola d’arte.

Abbiamo già parlato in questo sito web dell’importanza del cablaggio strutturato e delle sue imprescindibili funzionalità, ma realizzare un mero canale trasmissivo, utilizzando i componenti conformi alle rispettive normative, è condizione necessaria ma non sufficiente, per garantire il rispetto delle prestazioni trasmissive nominali del canale reale.

Per questo motivo si fa riferimento anche a norme specifiche quali EN 50174-2 e ISO/IEC 14763-2.

La certificazione così come indicata nella norma CEI 306-10 ha il compito di verificare eventuali errori commessi durante l’installazione e di risolverli prima che l’impianto sia messo in funzione e risulti operativo.

La verifica va fatta dell’intero cablaggio strutturato, sia dei cavi in rame che di quelli in fibra ottica.

Il rapporto di verifica permette di:

  1. dimostrare che l’impianto rispetta le sue prestazioni nominali;
  2. assolvere un vincolo contrattuale (i committenti spesso richiedono la prova finale come condizione di accettazione del lavoro);
  3. garantire l’impianto fornito nel tempo (secondo le condizioni contrattuali di garanzia).

La verifica prevede i seguenti controlli:

  1. visivo;
  2. elettrico statico per il rame e correttezza della connettività per quelli ottici;
  3. parametri di trasmissione.

Le prime due verifiche devono essere eseguite da personale di alta competenza tecnica ed esperienza, per rilevare eventuali problematiche sorte e non risolte durante l’installazione, specialmente in presenza di grandi impianti.

Diversa è la verifica dei parametri di trasmissione che affrontiamo di seguito e che necessita di opportuna strumentazione dedicata e di eventuale verifica qualora i valori siano fuori norma.


Verifica dei parametri di trasmissione

certificatore per cavi in rame e fibra ottica

Lo strumento certificatore che è diverso per i cavi in rame o in fibra ottica verifica i parametri di trasmissione.

E’ costituito da una unità trasmittente ed una ricevente collegate alle estremità del collegamento da verificare, in maniera da scambiarsi dei segnali di prova che permettono di elaborare i valori di tutti i parametri trasmissivi richiesti dalle norme EN 50173, ISO/IEC 11801, TIA/EIA 568C.

La misura viene eseguita per la verifica di tutti i parametri nella gamma di frequenza di interesse e di confrontarle con i corrispondenti limiti.

Tale verifica è strettamente legata alla tipologia di cavi utilizzato esempio cat. 6e per il rame.

Se il risultato è positivo, vuol dire che la misurazione è andata a buon fine, mentre se vengono riportati degli errori occorre eseguire una indagine tecnica per la risoluzione.

Le misurazioni mostrano alcune caratteristiche tecniche come il NEXT, attenuazione, return loss, ACR, etc.

E’ importantissimo eseguire la calibrazione periodica degli strumenti di misurazione, così come indicato nelle suddette norme, perché altrimenti i risultati potrebbero essere non corretti. Tale attività viene svolta da aziende specializzate.


Documentazione da rilasciare nel collaudo

La documentazione rilasciata dell’installatore comprende:

  1. Dichiarazione di conformità ai sensi del DM 37/08;
  2. Rapporto di verifica (certificazione dei punti presa).

Il primo documento è obbligatorio per legge e contiene la dichiarazione che l’impianto è stato realizzato a regola d’arte sia ai fini della sicurezza sia della funzionalità.

Il secondo contiene i risultati delle misure descritte e viene rilasciato se concordato con l’utente, anche se fortemente consigliato sia per la garanzia di funzionalità che per eventuali verifiche di guasti che non verrebbero analizzati, perché spesso non visibili ad occhio nudo.

Un esempio su tutti è il controllo del raggio di curvatura dei cavi che non permettono di passare alcuni test strumentali e che solo dopo tale verifica è possibile constatare.

Secondo il DM 37/08, la documentazione tecnica di un impianto elettrico deve comprendere anche il progetto redatto da un professionista iscritto all’albo professionale o un elaborato tecnico redatto dal responsabile tecnico dell’impresa installatrice a seconda della complessità dell’impianto.

In questo sito abbiamo già descritto quando è necessario il progetto di un impianto elettrico o elettronico.

La documentazione finale è corrispondente a quella esecutiva con incluse le varianti eseguite in corso d’opera, che deve contenere:

  1. indicazioni planimetriche dell’infrastruttura che dovrà ospitare il sistema di cablaggio strutturato;
  2. la definizione dei materiali che costituiscono l’infrastruttura;
  3. lo schema delle connessioni;
  4. le caratteristiche trasmissive e meccaniche dei componenti passivi del cablaggio;
  5. l’etichettatura delle varie parti, che permetta di identificare univocamente tutti i componenti del cablaggio (cavi, terminazioni, ma anche scatole di derivazione, etc.);
  6. le prescrizioni di sicurezza previste dalla normativa vigente;
  7. le dimensioni e la descrizione degli armadi di distribuzione;
  8. schema della composizione e il posizionamento delle parti passive e attive negli armadi di distribuzione;
  9. raggi minimi di curvatura dei condotti;
  10. la compatibilità con la presenza di altri impianti;
  11. indicazioni per l’inserimento di scatole rompitratta per consentire il rispetto della massima forza di trazione dei cavi durante la posa;
  12. elenco delle normative applicabili a quel tipo di infrastruttura.

La qualità di un impianto

Come sopra accennato non basta solo avere materiali di prima qualità per avere un impianto che funzioni correttamente, ma è necessario che la progettazione, l’installazione e l’esperienza degli installatori siano al top per sfruttare velocità di trasmissioni e frequenze sempre più elevate.

Per chi non ne fosse a conoscenza il cablaggio strutturato è obbligatorio dal 1 luglio 2015 secondo l’Art. 135 bis della legge 164/2014 nelle nuove costruzioni e nelle ristrutturazioni profonde.

Se vuoi un impianto di cablaggio strutturato di qualità, richiedi al tuo installatore la certificazione nel collaudo perché avrai sicuramente dati importanti per comprendere eventuali problematiche e testare realmente le potenzialità della tua rete.


Se pensi che questo articolo sia utile anche ad altri, condividilo sui social!


condividi su facebookcondividi su linkedincondividi su Google+condividi su twitter


14-06-2018

Autore: - consulente informatico e SEO