studio tarantelli, consulenza informatica, SEO e reti informatiche

Studio Tarantelli > Articoli Informatica > Professione > Investigazioni informatiche forensi

Investigazioni informatiche forensi

investigazioni informatiche forensi

L’attività investigativa informatica per gli scopi forensi ha il compito di individuare o scoprire uno o più reati commessi nei propri confronti con l’ausilio di infrastrutture informatiche.

I reati più comuni, di cui molti abbiamo già affrontato in questo sito, sono la violazione del copyright di foto e testi, la diffamazione su social network, forum o blog, la pubblicazione di dati personali, violazioni di marchi e brevetti, perizia di un sito web o per la pubblicità online, truffe informatiche, cyberbullismo, violazione e software spia installati negli smartphone o PC, stalking, etc.

Prima di rivolgersi ad un legale per predisporre una azione legale è importante dapprima verificare l’esistenza di un reato con l’aiuto di un consulente di informatica forense e se emergono fatti oggettivi ed inequivocabili è necessario procedere alla denuncia della persona o in alternativa se non si conosce l’identità eseguirla verso ignoti.

Contestualmente alla predisposizione della denuncia, con il supporto di un legale di fiducia sarà possibile procedere successivamente ad ulteriori approfondimenti che verranno eventualmente concessi dal PM o giudice.

Quindi, le investigazioni forensi hanno il compito di verificare il reato o la violazione e dare possibilmente un nome all’autore, così da proseguire con le procedure legali.


Differenza tra investigazione e perizia informatica

Molti clienti che contattano il nostro studio confondono le attività di investigazione con quelle di perizia informatica.

In particolare la prima attività come sopra indicato ha il compito di verificare il fatto, mentre la seconda che è successiva serve per cristallizzare le prove che dovranno essere indicate in un documento ufficiale, nella forma di una relazione tecnica (in carta semplice, asseverata o con giuramento) stilata da un professionista di informatica forense, per certificare i dati repertati e presentarli in giudizio o come prova in una denuncia civile o penale.

Spesso l’ingegnere o il consulente forense esegue preventivamente una attività investigativa mirata ai reati informatici, perché è importante essere coscienti dei fatti quanto prima, al fine di constatare anche il periodo di pubblicazione dei dati e quindi poter richiedere eventuali danni economici per lo sfruttamento illecito delle proprie informazioni, marchi e brevetti.


Perché rivolgersi a professionisti

Le investigazioni informatiche vengono talvolta richieste senza considerare i fattori imprescindibili della tutela dei dati personali dei singoli attori in gioco, come nei casi di licenziamenti aziendali, separazioni e divorzi tra coniugi o anche in presenza di affidamento dei minori.

E’ fondamentale sia da parte del consulente che del cliente in questione il pieno rispetto della normativa vigente in materia di privacy, tutela dei lavoratori, dei coniugi, senza manipolare in maniera illecita gli strumenti tecnologici, come smartphone o email e senza ricorrere a ricetrasmittenti, telecamere, etc.

Il consiglio è di rivolgersi ad un professionista come lo scrivente competente in materia forense, richiedendo una consulenza mirata per illustrare il problema e seguire tutte le indicazioni fornite per valutare attentamente tutti gli step leciti da seguire, così da produrre le opportune prove oggettive ed avere il materiale conforme alla rivendicazione dei propri giusti diritti.

Un altro aspetto che riguarda la professionalità e più volte citato in altri articoli è l’importanza della strumentazione utilizzata nella produzione dei documenti, perché una mail non è accolta in giudizio con una mera stampa, ma è necessario eseguire una acquisizione forense bit a bit con software ed hardware dedicati e consegnare gli allegati negli appositi formati previsti dalle normative vigenti.

Inoltre è necessario ed obbligatorio non alterare il contenuto dei supporti di memoria digitali, come hard disk, chiavi USB, memorie SD, smartphone, perché la prova verrebbe ritenuta non conforme e non presa in esame.

Rivolgiti con fiducia ad un professionista che oltre a consigliarti al meglio, potrà eseguire tutte le attività in maniera conforme e seguirti in tutto l’iter giudiziario.

Se hai bisogno di ulteriori informazioni, contattaci e se pensi che questo articolo sia utile alla comunità digitale, condividilo sui social network.


condividi su facebookcondividi su linkedincondividi su Google+condividi su twitter


12-07-2018

Autore: - consulente informatico e SEO