studio tarantelli, consulenza informatica, SEO e reti informatiche

Studio Tarantelli > Articoli Informatica > Siti web > Come scrivere un articolo per il tuo blog

Come scrivere un articolo per il tuo blog o sito

come scrivere un articolo per il tuo blog o sito

Scrivere un articolo per il tuo blog o sito web può non risultare semplice ed in questo testo ti indico alcuni punti utili per sviluppare un argomento in maniera che risulti utile per gli utenti e quindi premiato in visite e condivisione sui social network.

Le raccomandazioni di seguito indicate sono utili per tutti i settori, ma ovviamente vanno ulteriormente personalizzate a seconda della propria attività e del proprio pubblico.

La chiave vincente per un articolo utile per il tuo blog è sicuramente nella stesura del testo, che deve parlare di un argomento di attualità, che sia ben identificato ed integrato con le attività svolte nel sito web.

Pertanto è fondamentale che il lettore capisca che il testo scritto sia attinente al sito, scritto da un professionista del settore ed inserito all’interno della categoria più appropriata; non si può parlare ad esempio di innovazione di automobili in un sito che vende alimentari.

Perché l’argomento deve essere attuale? I motivi della novità sono:

  1. Se si parla di un argomento del giorno o trattato da poco anche da mass media su larga scala, si ha il massimo risultato nella ricerca, visto che molti utenti potrebbero essere interessati alla materia e quindi è più facile trovare lettori che hanno voglia di comprendere meglio tutti gli aspetti.
  2. C’è meno concorrenza su un argomento “fresco” molto specifico, rispetto ad uno generico già discusso più volte ed il trend delle ricerche sui motori di ricerca è sicuramente più alto.

Quindi trattare di un argomento che non è ricercato perché non risulta utile all’utente e non offre un valore aggiunto al lettore, non contribuisce a valorizzare il sito internet e renderlo più visibile nel tempo.

Inutile dire che è vietato assolutamente copiare i testi, come spesso ho già indicato in altri scritti.


La scelta del linguaggio

Non basta saper scrivere per comporre un testo utile per il proprio pubblico!

La scelta dell’utilizzo di un linguaggio semplice, fatto di vocaboli comprensibili da tutti i potenziali visitatori di diversa cultura e formazione è fondamentale per rendere più agevole la comprensione del testo specialmente a coloro che non sono del medesimo settore e non conoscono pienamente il gergo tecnico, regolamenti, leggi, etc. o perché non hanno una scolarità che gli permette di analizzare uno scritto complesso.

E’ noto che noi professionisti ingegneri, avvocati, commercialisti, notai, medici, etc., spesso utilizziamo leggi, articoli, norme come base per la creazione di un testo, ma che spesso è redatto con un linguaggio troppo rigoroso e tecnico, dove la maggioranza delle persone ha difficoltà nella piena comprensione dei singoli termini.

Questo non significa che il lettore non conosca l’italiano, ma che non appartiene a quel settore specifico e quindi ha giustamente carenza nella conoscenza dei termini prettamente relegati ad una categoria professionale.

E’ altresì vero che un utente sul web tende a memorizzare i concetti ed il campo di applicazione di una normativa o legge e non ad imparare a memoria gli articoli in essa contenuta.

Chi decide di andare da un professionista è perché ha un problema da risolvere e quindi ha la necessità e voglia di approfondire un argomento che deve risultare comprensibile a tutti.

Pertanto è necessario che il testo dell’articolo sia scritto in maniera molto semplice, mettendosi dalla parte del lettore, che deve comprenderne tutto il significato, affinché possa condividerlo perché lo ha ritenuto valido e quindi metterlo a disposizione degli altri. Questo è il contenuto definito "virale" ed utile per il successo di un blog!

Se un utente arriva sul tuo sito web e legge un articolo non pienamente comprensibile, sicuramente esce e va da un tuo concorrente e perderai l’opportunità di fidelizzarlo sia come lettore che come potenziale cliente.


L’uso dei vocaboli e dei sinonimi

In passato si è sempre pensato che fosse necessario focalizzare il testo per i motori di ricerca, piuttosto che per gli utenti. Grande e grave errore!

Il successo di un blog è proprio negli utenti che leggono assiduamente e continuamente gli articoli e questo viene sicuramente premiato anche dai motori di ricerca.

L’uso eccessivo di parole chiave nel contenuto, oltre che essere penalizzante perché si abusa di tale forma chiamata "keyword stuffing", rende meno fluido il discorso, che invece risulterebbe più armonico se fosse scritto con l’ausilio di vocaboli adatti e con sinonimi che meglio indicano il concetto in questione.

E’ fondamentale quindi iniziare da una bozza dell’articolo, per poi leggerlo più volte e controllarlo apportando eventuali migliorie, affinché il testo risulti il più comprensibile possibile, utilizzando termini adatti per ogni esigenza.

Un piccolo segreto che spesso utilizzo è quello di far leggere l’articolo prima della pubblicazione ad amici o parenti, che magari non conoscendo l’argomento, potrebbero cogliere quelle sfumature utili per un feedback e per confermare o meno la comprensione totale di quello che si vuole descrivere.

Dopo aver redatto l’articolo, è sicuramente consigliato l’ausilio di un consulente SEO per ottimizzarlo, visto che tra i suoi molteplici compiti svolge anche quello di migliorare i contenuti di un sito web, rendendolo più fruibile ed utile per l’utente (cliente), agevolandone quindi il suo posizionamento.

In definitiva se un testo viene scritto "a quattro mani" risulta scuramente migliore in ottica di comprensione, fruibilità e visibilità.

Avere la capacità di saper scrivere un testo non è una peculiarità di tutti e non mi rivolgo ovviamente ai colleghi professionisti sopra citati che hanno un propensione "naturale" alla redazione di testi, articoli e relazioni, ma a quelle persone che, pur avendo un bagaglio culturale considerevole, non riescono a dedicare del tempo a scrivere sul proprio blog oppure non si sentono portati verso la stesura di articoli.

Queste persone possono rivolgersi a specialisti denominati copywriter che, con esperienza e professionalità, scrivono testi per altri personalizzando gli argomenti e focalizzando gli obiettivi di ciascuno.

Il copywriter è un professionista e nel mondo del web dove i “tuttologi” sono ovunque, occorre prestare attenzione a chi si incarica per la stesura dei testi e rivolgersi a personale qualificato.

L’ausilio del consulente SEO risulta anche particolarmente utile a tutti quei professionisti e non che seppur hanno la capacità di scrivere testi molto articolati necessitano di una ottimizzazione dopo la stesura, per migliorarne la fruibilità e quindi renderli più semplici per il web, senza ridurre o modificare gli aspetti tecnici e normativi.

Oltre ai suddetti suggerimenti indicati per fare un buon testo ne occorrerebbero degli altri più specifici, ma sicuramente se ci si concentra su quelli sopra citati, si ha un’ottima base su cui lavorare e nel tempo sarà sempre più semplice scrivere articoli per il proprio blog, migliorandone sempre più la qualità.

La condivisione di questo articolo è cosa gradita perché noi professionisti del settore lavoriamo per un web migliore, più funzionale e fruibile per tutti gli utenti, con l’obiettivo che possano trovare esattamente ciò che hanno cercato su un qualsiasi motore di ricerca.


condividi su facebookcondividi su linkedincondividi su Google+condividi su twitter


03-04-2017

Autore: - consulente informatico e SEO