studio tarantelli, consulenza informatica, SEO e reti informatiche

Studio Tarantelli > Articoli Informatica > Siti web > Perché disattivare gli aggiornamenti automatici di Wordpress

Perché disattivare gli aggiornamenti automatici di Wordpress

disattivare gli aggiornamenti automatici di Wordpress

In questo articolo ti darò alcuni preziosi consigli sul perché è importante mantenere disattivati gli aggiornamenti automatici di Wordpress.

Se hai un sito web basato sul famoso CMS Wordpress, avrai sicuramente notato che sia la piattaforma che plugin e temi vengono spesso aggiornati sia per risolvere eventuali problemi del codice che per integrare nuove funzionalità.

Molti utenti però dopo gli aggiornamenti lamentano dei malfunzionamenti! Questo è dovuto alla non perfetta conoscenza dell’integrazione tra i vari plugin installati e seppur questo CMS è stato pensato per la fruibilità di tutti seppur con minime conoscenze di informatica, si è rivelato nel tempo uno strumento scelto anche da professionisti che ovviamente necessitano sempre più di funzionalità avanzate, con il conseguente aumento della complessità dell’architettura del software.

E’ vero che sul web è presente una numerosa fonte di informazioni ed una vasta community che spesso però aiuta gli utenti a risolvere problemi basilari e non sempre personali, visto che esistono professionisti del web che giustamente chiedono un compenso per le attività di assistenza e consulenza.

Molti utenti in passato hanno cercato plugin che eseguivano automaticamente gli aggiornamenti di Wordpress, ma dalla versione 5.5 è presente una funzionalità dedicata del CMS che permette di eseguire gli update da solo o meno, senza installare nul'altro. Cosa fare allora? Perché è sconsigliato impostare gli aggiornamenti automatici?

Vediamo i problemi che potresti avere e poi le soluzioni.


Problemi riscontrati negli aggiornamenti

I problemi che molti utenti lamentano sono diversi in base al tema scelto ed ai plugin installati. Spesso non sono compatibili e creano dei malfunzionamenti o dei problemi di visualizzazione del sito web.

  1. I più frequenti sono riscontrabili nell’integrazione dei plugin legati a WooCommerce, il famoso plugin di e-commerce di Wordpress e questo crea non pochi problemi nelle vendite e rende impossibile utilizzare il sito web.
  2. Un altro problema dovuto agli aggiornamenti è quello di non avere una visualizzazione del sito web corretta, dovuta a widget, ridimensionamenti di testo o immagini non eseguiti, pulsanti che non eseguono l’apertura delle pagine al click, etc.
  3. Chi ha siti internet multilingua potrà aver sicuramente notato parecchi problemi di traduzione e dopo un aggiornamento è spesso necessario eseguire delle nuove integrazioni nelle altre lingue, ma questo è possibile evidenziarlo solo testando il sito e visualizzando tutte le pagine o le sezioni. Anche utilizzando plugin a pagamento professionali molto utili e funzionali come WPML è possibile avere dei problemi nelle traduzioni.
  4. Nei casi più gravi i suddetti problemi sono cumulativi e quindi risolvere il tutto è veramente complesso perché occorre comprendere quale è il principale e poi man mano operare per step.
  5. L’ultimo problema che spesso viene riscontrato negli aggiornamenti di plugin di Wordpress è quello dovuto ai requisiti minimi richiesti dal CMS che non sono in linea con le caratteristiche dell’hosting (che non di rado è di tipo base) e quindi è necessaria una "minima" competenza informatica per configurare correttamente i parametri tecnici del sito, senza considerare che un’errata scelta dell’hosting può pregiudicare le prestazioni di un sito web, come velocità di caricamento, capacità di molteplici utenti in contemporanea che possono acquistare e/o navigare rilevando forti problemi di lentezza o altro.

La soluzione al problema

Fondamentalmente la soluzione è quella di aggiornare manualmente tema, plugin, etc., ma occorre prestare attenzione a molti fattori per non avere problemi di funzionalità e fruibilità.

Molti utenti preferiscono fare gli aggiornamenti da soli, il che sicuramente rende più economico il tutto perché non è necessario pagare un consulente informatico, ma poi quando i problemi sono gravi e si chiede aiuto, i costi possono essere molto più onerosi per le difficoltà ed il tempo impiegato, senza considerare il rischio di perdere il contenuto del sito se non c’è un corretto backup dei files e del database.

Quanto sopra indicato provoca anche una probabile inattività del sito, perdita del posizionamento e tanti altri problemi che per una azienda che vende online o che ha un blog avviato comporta un danno considerevole.

Ovviamente non tutti gli aggiornamenti portano alle problematiche sopra esposte, ma sicuramente quelli della piattaforma Wordpress, del plugin WooCommerce e del tema installato sono i più "pericolosi", senza considerare come indicato che se si vende online ci sarà molto probabilmente qualche plugin che è legato al carrello che spesso ha la necessità di integrazione con WooCommerce.


Perché affidare gli aggiornamenti ad un consulente informatico

Se ci si rivolge ad un consulente informatico come lo Studio Tarantelli, tutti questi problemi possono essere risolti perché l’esperienza e la professionalità sono sicuramente le chiavi vincenti per mantenere fruibile un sito web, senza considerare che potrà anche controllarne lo stato di salute monitorando periodicamente la piattaforma di Google Search Console. Infatti a tutti i nostri clienti chiediamo la possibilità di questa verifica periodica che permette di scoprire problemi allo stato iniziale e porre in essere subito le opportune soluzioni per mantenere sicuro e fruibile il tuo sito web.

Principalmente il consulente è conoscenza di quali plugin possono essere aggiornati "più tranquillamente" e quali necessitano di particolare attenzione e quindi magari vanno eseguiti congiuntamente affinchè il sito internet funzioni, come ad esempio WooCommerce con i relativi plugin legati a carrelli, pagamenti, spedizioni, etc.

Ovviamente verificherà che il tema sia sempre aggiornato e configurerà al meglio l’eventuale e consigliato tema "child" che risulta una valida soluzione per non incorrere in errori di visualizzazione. Un tema aggiornato permette di ridurre anche le vulnerabilità!

Un altro valore aggiunto è quello di aggiornare le caratteristiche dell’hosting ed in particolar modo la versione del PHP e del MySQL, oltre a configurare in maniera sicura gli accessi via FTP, i backup dei file e database, etc.

Parlando sempre di sicurezza è importante considerare i finti account che si registrano in un sito basato con Wordpress e quindi una attenta valutazione dei parametri e delle misure in atto per la riduzione di questi utenti può mantenerlo più sicuro.

Queste attività richiedono di norma al consulente un paio di ore di lavoro al mese e permettono di non avere più problemi e se tale attività viene abbinata al monitoraggio di Google Search Console con la verifica di errori e stato del sito si ha una soluzione idonea al corretto funzionamento dell’intera piattaforma.

Molti clienti dello Studio Tarantelli abbinano queste attività insieme a consulenze SEO per avere risultati concreti dal proprio sito internet e valorizzarlo sia per gli utenti che per i motori di ricerca.

Se desideri una consulenza, contattaci indicando le tue esigenze e sapremo trovare la migiore soluzione personalizzata al tuo caso!


Se ti è piaciuto questo articolo condividilo!


condividi su facebookcondividi su linkedincondividi su twitter


25-08-2020

Autore: Mirko Tarantelli - consulente informatico e SEO - Data Scientist

© Tutti i diritti sono riservati. È vietato qualsiasi utilizzo, totale o parziale dei contenuti qui pubblicati.